Recensione: London in love

Miller_London in love

Titolo: London in love
Autore: Melinda Miller
Casa Editrice: Tre60 (collana narrativa Tre60)
Pubblicazione: 25 Settembre 2014
Codice ISBN: 9788867021970
Pagine: 251

Lei è Lisa: trent’anni (o poco più), un fidanzato storico che l’ha appena lasciata e una gran voglia di ricominciare. E forse è possibile: trasferirsi a Londra, per un anno, a casa di un’amica. E poi chissà… Lui è Michele: trent’anni (o poco più), una fidanzata storica che sta per sposare, una vita da broker e una gran voglia di stabilità. Il suo sogno: lasciare Londra, dove lavora, e rientrare in Italia. E poi chissà… Le strade di Lisa e di Michele s’incrociano brevemente sul volo Milano-Londra (vicini di posto, si detestano all’istante), per dividersi, con grande sollievo di entrambi, a Heathrow. Ma il destino li farà incontrare di nuovo, a Notting Hill, tra gli scaffali di God Save the Heels, la boutique di scarpe vintage, stilosissime e griffatissime, dove Lisa lavora. Sullo sfondo di una Londra travolgentemente romantica, animata da personaggi indimenticabili – da Palmer, l’eccentrico vicino di casa gay, a Marta, la fidanzata di Michele, perfettina e isterica, a Lady J, la “celeb” icona di stile, che mette all’asta la sua preziosissima collezione di scarpe -, Lisa e Michele si troveranno coinvolti in un inebriante girotondo in cui sarà molto difficile non cadere (dall’alto di un tacco 12) nelle braccia dell’amore.

Le persone più sagge dicono: “Non giudicare mai un libro dalla copertina”, bene, nel mio caso non è mai così. E si, mea culpa, la prima cosa che mi colpisce di un libro (ma anche di qualsiasi altra cosa) è proprio quella: la copertina. Nel caso dei libri mi attirano l’ordine, i colori e i font utilizzati per il titolo o per il nome dell’autore e di “London in love” mi ha colpito qualsiasi cosa. Con tutto ciò non voglio giudicare il lavoro dei grafici ma volevo farvi capire come mi sono imbattuta in questo libro. L’ho preso senza pensarci due volte e ho iniziato a leggerlo non appena l’ho ritrovato nella mia libreria. Ho iniziato a leggere la prima pagina e non mi sono più staccata da questo racconto. Mi ha appassionato sin da subito e sin da subito ho iniziato a divertirmi. Lisa e Michele si incontrano per puro caso in aeroporto, al chek-in per Londra e subito tra di loro scatta la scintilla o, per meglio dire, le scintille: ebbene sì, i due iniziano ad odiarsi dal primo istante. Infatti, di una cosa sono certi i due protagonisti ovvero che quello che l’uno prova per l’altro è puro odio e per questo non vedono l’ora di allontanarsi il più possibile per evitare di esplodere. Lisa e Michele sono il sole e la luna, i bianco ed il nero: lui è un broker, superogranizzato, superpreciso ed è superfidanzato tanto che sta per chiedere alla sua pazza e crudele fidanzata di sposarlo; lei è sbadata, si è appena lasciata con il suo storico fidanzato, è senza lavoro (perché l’ha appena lasciato per andarsene a Londra), tanti sogni, tante speranze e una passione sfrenata per le scarpe. Il viaggio da Milano a Londra si prospetta molto lungo, soprattutto perché i due sono capitati vicini di posto ma, in realtà, risulta più tranquillo di quanto si aspettassero anche se il desiderio di allontanarsi e non vedersi mai più regna ancora tra di loro. Infatti, appena giunti all’aeroporto si perdono immediatamente di vista. Ovviamente non poteva finire così e in cuor mio speravo in una sorta di miracolo che rifacesse incontrare i due ma i due sembravano avere una vita e una quotidianità talmente diversa che quasi ho pensato che il mio sesto senso da storie romantiche non funzionasse più. Ma mi sbagliavo, fortunatamente!
Il libro prevede l’alternarsi dei narratori, un capitolo Lisa e un capitolo Michele e così via. Adoro questo tipo di struttura perché permette al lettore di entrare nella psicologia di ogni personaggio e di rendere tuoi i suoi pensieri. Infatti, mi sono subito affezionata ai due e riuscivo a percepire ogni loro emozione. Mi sono divertita tantissimo nel leggero e ho adorato Lisa, sbadata e sognatrice mentre ho odiato la fidanzata di Michele, dal primo istante. Ho letto il libro in due giorni perché la storia mi ha preso talmente tanto che non sono riuscita a staccarmene e quando lo facevo non vedevo l’ora di riprendere. Ho amato la storia, la sua fluidità e il modo che ha di farti sognare. Sì, perché è il tipico romanzo che ti catapulta in un mondo tutto rosa e tutto meraviglioso sin dall’inizio, ma soprattutto alla fine. Infatti, nella sua simpatia e nella sua leggerezza questo romanzo ha lasciato un messaggio bellissimo: quello di perseguire sempre i propri desideri, anche se la vita ti porta verso altre direzioni occorre continuare a coltivare i propri sogni che non devono rimanere chiusi in un cassetto, ma far di tutto affinché questi diventino realtà.

CONSIGLIATO: SIIIIIII!!!

Informazioni d’autore:

Melinda Miller in realtà è uno pseudonimo che nasconde una storia degna di romanzo. Si sono conosciuti in aeroporto, si sono innamorati a Londra come Lisa e Michele, si sono sposati e poi hanno deciso di raccontare una storia d’amore simile alla loro, con un pizzico di fantasia in più. L’ultima decisione è stata quella di firmare il loro romanzo con un solo nome – Melinda Miller – e per noi questa è la conferma che non soltanto esistono le anime gemelle, ma che sanno pure parlare d’amore in modo speciale.

(www.tre60libri.it)

Annunci

6 pensieri su “Recensione: London in love

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...