La settima onda, Daniel Glattauer

la settima onda

Titolo: La settima onda

Seguito di: Le ho mai raccontato del vento del Nord

Autore: Daniel Glattauer

Casa editrice: Feltrinelli (collana I canguri)

Pagine: 191

Traduttore: Basiglini L.


Nel post precedente avevo parlato di “Le ho mai raccontato del vento del Nord” e adesso vorrei parlarvi del suo seguito. “La settima onda” è, appunto, il suo capitolo successivo. Emmi e Leo sono i protagonisti di una storia d’amore virtuale che ha vissuto tutte le varie forme di emozioni e sensazioni, a parte quella dell’incontro reale ed è proprio questo che ha portato Leo a tagliare tutti i ponti con Emmi e partire per Boston. Qui Leo inizia una nuova vita cercando di dimenticare quanto più possibile la sua amante di penna, ma Emmi non vuole questo e con tenacia e determinazione farà di tutto per riallacciare i ponti che l’uomo aveva cercato di tagliare e, inutile dirlo, ci riesce! Ma la donna, a differenza di Leo che ha iniziato una nuova storia d’amore per così dire, non ha cambiato molto della sua vita infatti, è ancora sposata. Ma la nuova amante di Leo non sarà in grado di togliergli dalla mente la sua amata Emmi. E da qui ritorneranno le schermaglie di email che ci hanno tenuti incollati al primo capitolo infatti, un grande amore non si può certo eliminare semplicemente con un click come lo si fa per la posta elettronica. E questo Leo lo capirà solo con il tempo.

Che dire? E’ un romanzo che mi è piaciuto moltissimo e questo, per lo meno a me, è molto raro che succede nei sequel. Volevo assolutamente sapere come sarebbe finita tra Leo ed Emmi ma ero sicura che mi avrebbe delusa, ma così non è stato. Ho letteralmente divorato questo libro e, a distanza di tempo, ancora ne ricordo ogni particolare, ogni sensazione provata e ogni pagina svoltata velocemente e con ingordigia per saperne di più. E’ una storia d’amore appassionante e coinvolgente, un amore vero, fatto di parole ed emozioni continue. Niente è scontato in questo libro e credo sia stato creato proprio per far sognare dalla prima pagina sino all’ultima riga. E’ talmente bello che lo si vuole rileggere una seconda e una terza volta.

Quindi..

consigliato: ASSOLUTISSIMAMENTE SI!!!!!

E’ bellissimo qui, sai?….Perché ti scrivo? Perché ne ho voglia.

E perché non voglio attendere in silenzio la settima onda.

Si, qui si narra la storia della settima onda, l’inflessibile. Le prime sei sono prevedibili e armoniose. Si condizionano a vicenda, sorgono una dopo l’altra, non fanno sorprese. Preservano la continuità. Sei assalti, che appaiono così diversi se osservati a distanza, sei assalti….e sempre lo stesso obiettivo.

Occhio però alla settima onda!

E’ imprevedibile…..Talvolta però fugge via. Sempre e solo lei, sempre e solo la settima onda. Perché è spensierata, ingenua, ribelle, spazza via tutto, gli dà un’altra forma. Migliore o peggiore? Possono dirlo solo quanti, afferrati da lei, hanno avuto il coraggio di raccoglierne la sfida, di lasciarsi incantare dalla sua malia…..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...